Mario Brunello con l’Accademia dell’Annunciata diretta da Riccardo Doni, per i 250 anni della morte di Giuseppe Tartini

Mario Brunello con l’Accademia dell’Annunciata diretta da Riccardo Doni, per i 250 anni della morte di Giuseppe Tartini

E’ tra i più attesi appuntamenti della stagione “Ravenna Musica” dell’Associazione Angelo Mariani il concerto in programma  mercoledì 19 febbraio al Teatro Alighieri.

A celebrare il 250° anniversario della morte di Giuseppe Tartini (1692-1770), un’occasione preziosa per restituire la versatile personalità musicale e culturale del grande musicista, considerato il più famoso violinista d’Europa del suo tempo e tuttora fra i maggiori compositori e teorici della musica italiani, non poteva che essere un grande artista: il violoncellista Mario Brunello. 

Brunello salirà sul palco insieme all’orchestra Accademia dell’Annunciata e a Riccardo Doni, nella doppia veste di direttore e cembalista, per dare vita al concerto Tartini e dintorni nel 250° anniversario della morte di Giuseppe Tartini.

Mario Brunello è tra i più affascinanti musicisti contemporanei, dotato di libertà espressiva rara. Acclamato sia come solista, sia nella musica da camera, ideatore dei progetti artistici più innovativi, è stato elogiato da Gramophone per il suo “spirito eccezionale” e descritto come “intenso e appassionato” da The Strad. Nel 1986 è il primo e unico italiano a vincere il Concorso Cajkovskij di Mosca che lo proietta sulla scena internazionale con concerti in tutto il mondo con i più importanti direttori e con le orchestre più prestigiose. Nell’occasione ravennate imbraccerà il suo violoncello piccolo, strumento identico al violoncello ma di ridotte dimensioni molto in voga dalla seconda metà del 600 alla prima metà del 700.

La serata offre l’opportunità per riscoprire il mondo musicale che gravitava intorno a Giuseppe Tartini, attraverso pagine di intensa bellezza. Accanto ai Concerti in re maggiore per violoncello piccolo, archi e basso continuo e il Concerto a quattro in Do maggiore per archi e basso continuo di Tartini,  saranno proposti infatti il Concerto in re maggiore per violoncello piccolo, archi e basso continuo di Antonio Vandini, amico e biografo di Tartini, e Sinfonia in re maggiore RV 125 per archi e basso continuo di Antonio Vivaldi. Impreziosiscono il programma Pastorale P86, trascrizione del 1908 di Ottorino Respighi di una Pastorale scritta da Tartini, e il brano ”L’antro dell’orco” per violoncello piccolo, archi e cembalo del compositore vivente Vanni Moretto, scherzo musicale liberamente tratto dalla celebre opera di Tartini “L’arte dell’arco”. 

Inizio concerto ore 21. Biglietti da € 5,00 a € 30,00 in vendita on-line dal sito www.teatroalighieri.org, presso la Biglietteria del Teatro Alighieri, La Cassa di Ravenna,  IAT di Ravenna e  Cervia. (Info 0544 39837  www.angelomariani.org)

Il concerto è organizzato come tutta la stagione “Ravenna Musica” in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna, Regione Emilia-Romagna, Mibact e col sostegno delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Ravenna e del Monte di Bologna e Ravenna.